Page 1
Standard

From Brussels with love

by Michela Marelli

Theatre in Brussels is a serious thing all year round and for a month it invades the city.
The “presence” of the Kunstenfestivaldesarts (the 2019 edition is held from 10 May to 1 June) is second only to that of chocolate. And the chocolate in Brussels is delicious and it is everywhere.
Also in the “press kit” that is given to us once arrived there is a packet of Galler chocolates, the first of a long series of exquisite courtesies for guests (the excellent vegetarian food always offered to us, the sumptuous accommodation at Motel One right in the city centre…) that made us feel very pampered and loved.

In fact we were there as guests of the From Brussels with love program, organized by Kunstenpunt / Flanders Arts Institute and Wallonie-Bruxelle Théâtre Danse, in collaboration with Workspacebrussels, Vincent Company, Théâtre Varia, Les Brigittines, to present Belgian artists to international operators. This practice should absolutely be copied.

The first day, Tuesday 14 May, we are at Workspacebrussels which is a laboratory for artistic innovation within the performing arts, with a great openness to transdisciplinary projects, which assists young and independent artists in their starting tray within the professional arts landscape.

The first artist presented to us is Cassiel Gaubel, a very young and talented dancer and choreographer who studied the techniques of Hip Hop, House and Clubbing Dance. The other performances are performed by Dan Mussett & Laurent Delom and the Grupe Pluton.

To intersperse the visions in the dance hall we are presented with two interesting transdisciplinary projects.
Calculated Risk of Kasper Vandenberghe is a compelling illustration of today’s hunger for safe risk. It combines this contemporary notion with an ode to the innocence of the child. Kasper dares to fall from increasing heights, using the child matter of plastic wrap as a protective shell.
But at any time the artists will do what is necessary not to get hurt, following the advice of a physicist with advanced knowledge on acceleration and gravity.
Seeing him (on video) letting himself fall backwards from a height of over four meters with a huge foam mattress fixed on his shoulders… is exciting.

Beetween Us by and with Kim Snauwaert & Anyuta Wiazemsky is definitely one of those cases where the performance generates a reflection on society. The two artists, a Belgian and a Russian, do not have a romantic relationship and are not lesbians (they have a boyfriend respectively) but have decided to get married.
In addition to a real marriage, Beetween Us is also a durational, multidisciplinary artistic process in which Kim and Anyuta – as an artistic couple – take care of their marriage relationship. They married, among other things, so that Anyuta would be given a residence status, but with the clear mutual intention to create and maintain a sustainable common life. This somewhat vague notion of “sustainable common life” is the basic requirement for a “pure” or “real” marriage according to the Belgian law.

In the evening transfer first to La Raffinerie and then to the Kaai Theater for two shows scheduled at the Kunstenfestivaldesarts: the installation / choreography of the Belgian Louise Vanneste atla and Penelope Sleeps by the Norwegian author and performer Mette Edvardsen and the composer and performer Matteo Fargion (Londoner of Italian extraction).

The second day, Wednesday 15 May, transfer to Antwerp for the showreel organized by Vincent Company.

Vincent Company is an artist-centred organisation, working on content-based distribution models. The aim is connecting the right partners and locations with the artist’s work, striving for a proper and honest visibility, both in Belgium and abroad.

We are in a very suggestive space: an old warehouse overlooking the port where companies can rent rehearsal rooms and spaces to store the sets. We are presented with: – we mention them, as per the program, in alphabetical order -Charlotte Vanden Eynde & Nicolas Rombouts, Jeff Van Gestel, Kevin Trappeniers, Koen De Preter, Post uit Hessedalen, Stefanie Claes (Lucinda Ra), Tom Struyf, Ugo Dehaes, Wannes Deneerand their ten proposals.

They are all work in progress, brief studies, the artists are very interested in having a comparison with us in which they punctually underline that they are still looking for co-producers, residences, dates for the shows … They are all long-term project, the debut is planned in 2020 or 2021. This practice should also be copied.

They range from the company of four dancers to the duo dancer & cello. From the visual artist who works on the deconstruction of technology to a first sketch of wooden scenography that will be a real pop-up.

From the documentary project on a kindergarten converted into a prison, to the puppets used to show a story of abuse without reticence.
From the choreographer who is building non-humanoid robots and makes them interact to show the concept of forced labor to the duo juggler & drummer who is preparing a performace entitled How to train your robot.

From the landscape art installation project with concert, to the concert of “imaginative” instruments (tubes, plates, tanks, metal shelves, lamps and various ready-made) that amuses us a lot and gives us the CD of his works. Very different works but all with some interesting points.

Parked in the huge warehouse there is also a big truck with the Pacman inscription which is the title of the show that is done inside the aforementioned truck for 25 spectators.

Thanks to the sun and the sea air we go back to Brussels in an excellent mood.
In the evening we go to the KVS, in the alternative room for which the director almost “apologizes”, stating that the KVS also has a real theatre. Among the international operators there are artistic directors of important theatres and festivals (including four other Italian companies) but at least for our small group the KVS Box room is wonderful.

The eleventh show of the day is Let us believe in the beginning of the cold season by Sachli Gholamalizad, a Belgian actress of Iranian origin, who creates a dramaturgy poised between poetry, music and narration, with Farrokhzad’s verses the songs of Googoosh, the video interviews to his mother and the story of The Conference of the Birds.

The morning of Thursday 16 May begins with the Meet-up Café at the Théâtre Varia where we attend the pitching of eight companies presenting their works:De Facto, Mariedl, Collectif Enervé & Rien de spécial, Egloff & Chapelle, Clinic Orgasm Society, Venedig Meer e garçongarçon.

The director of the latter company, Salvatore Calcagno, is twenty-four years old and is of Italian extraction. His first work, produced and distributed in Belgium was La vecchia vacca, performed in Italian. He has toured all over the world, but not in Italy. His next show, the eighth, will be A Streetcar named Desire by Tennessee William. We connect on socials and put the Instagram’s heart to his photo with Raffaella Carrà.

In the afternoon we move to Les Brigittines, a splendid center for contemporary art in the city of Brussels.

In his different spaces we can see three work in progress: #Frontiera by Claudio Bernardo (Belgian director and choreographer of Brazilian origins), a rewrite of Euripide’s The Trojan Women between theatre, dance, song and video documentary that will be presented at the festival Oriente Occidente on 3 September in Rovereto; Glitch by and with Samuel Lefeuvre & Florencia Demestri already scheduled at seven major European festivals and Homogramm-Tanz by and with Mauro Paccagnella.

Mauro Paccagnella, born in Padua in 1964, is a star in Belgium, his company Wooshing Machine is known throughout the world.
Nonetheless, with a humility that moves us and gives him immense honor, he sits down with us during a coffee break to discuss sincerely and openly about his work.
This practice is also to be copied.

The day continues returning to the Théâtre Varia where we see a performance on site taken from the Carnage show by Hélène Beutin & Clément Goethals / FACT. The foyer of the theatre is full of smoke, there is an upside downmotorbike and other examples of contemporary youth degradation.
Finally an evening show that is not included in the program of the Kunstenfestivaldesarts, the theatre is sold out for Rater mieux, rater encore of the Collectif Enervé & Rien de spécial. The audience laughs at word games and paradoxical situations.

To greet us the organizers organized a dink and a concert: Das Boot of Clinic Orgasm Society, absolutely hilarious. We wished it would last much longer, the room was about to unleash itself in the dances at the fast pace of the demented rock that unfortunately was already over.

On the morning of Friday 17th May we quickly visit the city and buy chocolates.
The experience was decidedly positive, very enriching both from a theatrical and human point of view.
We have seen several works in progress that have aroused great interest and that we would like our realities, our small theatres in Italy to come into contact with. We feel that now more than ever that we companies need – and that our public also needs – a constant artistic dialogue with Europe and the whole world. Together we think about how it is best to build it: are we able to take on the commitment to follow the evolution of projects in progress and become part of their productive path through a residence or is it better to wait for the debut as the inclusion in the programming?

In short the professional reflection, after having met thirty-two companies, is that the Belgian theatre is vital and very well supported by the system that carefully takes care of its growth.
But there also arises spontaneously a more general human reflection: in Belgium, the melting pot (to which Italians have also contributed greatly) has benefited culture, giving it wider horizons, greater depth and greater force.
And from this widespread culture, considering also the festive welcome with which Brussels was preparing for the weekend’s gay pride, we had the clear perception that the whole Belgian society benefited.

Standard

PLAY_debutto europeo

Venerdì 4 ottobre alle 21.00 debutta al Theater Bellevue di Amsterdam (NL) PLAY, il nuovo spettacolo de La Confraternita del Chianti realizzato con il contributo del MIBACT e del progetto Boarding Pass.

PLAY è un gioco performativo, un esperimento scenico della giovane compagine milanese nell’ambito di EhUman, riflessione che 5 compagnie europee hanno scelto di condividere rispetto all’Europa e le sue istituzioni.

PLAY conduce il pubblico attraverso l’iter dell’Iniziativa dei Cittadini Europei, strumento a disposizione dei cittadini per sottoporre una proposta di legge popolare alla Commissione Europea. Attraverso quesiti a risposta multipla e votazioni pubbliche, gli spettatori possono scegliere di sostenere una delle 54 proposte disponibili.

Il debutto avviene all’interno del programma di EUROPA TRALALA, primo di una serie di festival che toccheranno Paesi Bassi, Romania, Italia, Portogallo, Lettonia.

https://www.theaterbellevue.nl/agenda/themas/65/Europatralala/

Standard

IL RITO 2 • Teatro Magro e 33Rooms con Magdalena Barile

PNP Pubblico Non Privato • Spettatori Mobili | #stagione20192020

📆Venerdì 4 ottobre | ore 19.30 e 21.30
📍presso HOME di Teatro Magro
[via Brescia 2C, Mantova]

➡️IL RITO 2
Teatro Magro e 33rooms
drammaturgia | Magdalena Barile

regia | Flavio Cortellazzi
con | Alessandro PezzaliEleni Mara
drammaturgia | Magdalena Barile
produzione | Teatro Magro
con il sostegno di | Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – Boarding Pass – progetto Enforcentertainment
in collaborazione con 33rooms (Svizzera)

L’incontro porta con sé l’attesa di un avvenimento.
C’è una relazione da creare.
C’è un rito da rispettare.
Si parla a turni prestabiliti, si chiede come stai, si ride da copione.
È accordo comune che il verde rappresenti la natura.
Ci sono codici e simboli.
Tutto è figura di qualcos’altro, tutto è figura di qualcun altro.
Siamo sicuri di essere gli originali o siamo semplicemente retaggio storico e geografico di qualcuno che ci ha preceduto?
Quale antenato parla in noi?
Siamo un’eco di un incontro più importante che sta avvenendo da un’altra parte.
Oppure già avvenuto.

Teatro Magro | nasce a Mantova nel 1988, sotto la direzione artistica del regista Flavio Cortellazzi. L’attività teatrale di Teatro Magro si articola nell’ambito definito teatro di ricerca: attingendo dalla quotidianità, denuncia con tagliente ironia lo stereotipo, il luogo comune, la retorica. Essenziale, pulito, arriva dritto al contenuto: magro, appunto.

33ROOMS | è un collettivo fondato da Eleni Mara che nasce in Ticino nel 2017. Un laboratorio sperimentale multilingue che si propone di dare spazio a tutte le discipline delle arti performarive e figurative. Eleni Mara studia teatro, danza contemporanea, canto e recitazione in Italia, nel Regno Unito, e in Grecia. Nel 2018 studia doppiaggio presso il CTA diretto da Pino Pirovano. Collabora con diversi gruppi teatrali in Svizzera e all’estero.

– – –

IL CAST

Alessandro Pezzali è attore teatrale e cinematografico. Ha recitato nei film “Il mestiere delle armi“ e “Centochiodi” di Ermanno Olmi. Lavora dal 2001 in qualità di attore per Agidi e Medusa-Roma. Nel 2016 ha partecipato al film “Riccardo va all’inferno“ di Roberta Torre. A seguire ricopre il ruolo del fratello di Michelangelo nel film “Il Peccato” di Andrey Konchalovskiy. Nel 2017 partecipa allo spettacolo “Peer Gynt: un preludio” con la regia di Luca Micheletti, produzione del Teatro Franco Parenti. Entra a far parte del cast del Teatro Stabile Umbro nella messa in scena de “Il Maestro e Margherita “ per la regia di Andrea Baracco, con Michele Riondino. È attore e socio fondatore di Teatro Magro, compagnia mantovana di teatro di ricerca.

Eleni Mara studia teatro, danza contemporanea, canto e recitazione in Italia, nel Regno Unito, e in Grecia. Nel 2018 studia doppiaggio presso il CTA diretto da Pino Pirovano. Collabora con diversi gruppi teatrali in Svizzera e all’estero, esibendosi al Teatro Stabile di Torino, Teatro de l’Escorxador (ES), Malta Arts Festival, Teatro Foce, Festival Trasparenze. Dal 2016 collabora con Radio Gwendalyn. Con Alan Alpenfelt crea e cura il programma “On Air b&b”, progetto di drammaturgia radiofonica contemporanea. È assistente alla regia sia per Gaddo Bagnoli con “Amore ricucito”, prodotto da Officina Teatro (CH), sia per “Nur” di Giuseppe Valenti (CH). Nel 2017 fonda il collettivo 33ROOMS con Ivan Griggio, debuttando al Performa Festival con Onironauta. Nel 2018 produce lo spettacolo Cassandra Complex, con la regia di Przemek Wasilkowski.

Flavio Cortellazzi frequenta l’Accademia di Arte Drammatica Paolo Grassi. Nel 1988 fonda Teatro Magro insieme ad Alessandro Pezzali e Marina Visentini. È da allora che ne cura la direzione artistica e ogni produzione performativa. Nel tempo, il gruppo si costituisce formalmente e cresce, fino ad annoverare nove soci. Dal 2006 propone le ‘Performance for business’, avvicinando il teatro al mondo aziendale. Nel 2012 si aggiudica il contributo ‘Next’ per la produzione dello spettacolo ‘Senza Niente 4 – Il regista’. Nel 2013 coordina come referente artistico il progetto europeo ‘Dictat’, una riflessione sulle dittature. Per 5 anni consecutivi è stato direttore artistico del Festival della Fiaba di Legnago (VR) e da molti anni si occupa di formazione in diversi ambiti, sia in situazioni di disagio sociale, sia in prestigiosi contesti imprenditoriali.

Magdalena Barile è autrice teatrale e televisiva. Per il teatro scrive testi per diverse compagnie fra cui Animanera, Accademia degli Artefatti, InBalia, Attodue, Murmuris, Charioteer Theatre, Motus, Teatro in Mostra, Associazione Liberty, Le Brugole, Il Mulino di Amleto. Collabora come autrice con la RSI Televisione Svizzera Italiana e partecipa alla scrittura di diversi programmi di drama e comedy per la televisione italiana (Albero Azzurro, Camera Cafè, Piloti, Bye Bye Cindarella). È docente di scrittura drammaturgica alla civica scuola di teatro Paolo Grassi di Milano e al corso annuale della Scuola di scrittura Belleville, Milano. Inoltre è docente di sceneggiatura allo IED, Istituto Europeo di Design. I suoi testi sono stati tradotti in inglese, francese, tedesco, catalano, svedese e russo.

– – –

INFO e PRENOTAZIONI
pubblicononprivato@gmail.com
per eventi HOME • 3470860228

cassa aperta 1 ora prima dell’evento, ritiro biglietti prenotati 15 minuti prima dell’inizio dello spettacolo
| prenotazione consigliata anche per abbonati |

BIGLIETTI
intero 12€ • ridotto* 8€ • ridottissimo** 5€
abbonamento intero 13 appuntamenti: 110 €
abbonamento ridotto 13 appuntamenti: 80 €
abbonamento intero 6 appuntamenti: 60 €
abbonamento ridotto 6 appuntamenti: 35 €

*ridotto: under 25, allievi scuole di teatro, Spettatori Mobili
**ridottissimo: LAIVin Card, Studenti e Carni Scelte

Teatro Magro è convenzionato con 18app e Carta Del Docente
Tutte le informazioni sui siti 18app.italia.it e cartadeldocente.istruzione.it

ph. Stanislav Sevcenco

PNP Pubblico Non Privato • Spettatori Mobili è un progetto di Teatro Magro e Zero Beat
con il contributo di | Fondazione Cariplo Comune di Mantova Comune di San Benedetto Po Ministero Beni Culturali Fondazione Altamane Connessioni
con il patrocinio di | Provincia di Mantova
sponsor tecnici | Casa Nonni Borgo Angeli, GialloZucca Nostromo Serafina Global Informatica
in collaborazione con | Pantacon, Associazione Etre, Consorzio Oltrepo, Progetto LAIVin, Associazione Mistery Life, TEEN
si ringraziano | Santarcangelo FestivalCentrale FIES art work spaceTeatro Sociale Gualtieri @davicinonessunoènormalemilano Dominio PubblicoKilowatt FestivalArmuniaPergine Festival @collinetorinesi
grazie a | Fondazione Mantova Capitale Europea dello Spettacolo, Cooperativa Charta, Cooperativa Radio Base, Cooperativa Alkemica, Ars Creazione e Spettacolo, Fondazione Palazzo Te, Sistema Bibliotecario Grande Mantova,Sistema Bibliotecario Legenda, Aipd – Associazione persone down, Associazione X Fragile, Liceo Scientifico Belfiore, Liceo Classico e Linguistico Virgilio, Enaip Mantova, Istituto Agrario Strozzi, Segni D’Infanzia, Liceo Scientifico Manzoni di Suzzara, Legacoop Lombardia, Legacoop Nazionale, Cinema del Carbone, RUM-Rianimazione Urbana, Camera di Commercio, Arci Mantova, Associazione distretto Culturale Le Regge dei Gonzaga, CHV di Suzzara, Spavaldi.

www.teatromagro.com
www.zerobeat.it

Standard

crossing boarders

Corpi in movimento che si appropriano di spazi in trasformazione. BASE gioca e cambia forma in una continua ricerca multidisciplinare: il 5 ottobre va in scena in una esclusiva veste Crossing Boarders sostenuto dal progetto el MIBAC Boarding pass PLUS, con la presentazione dei risulttati di residenze artistiche curate da Residenza IDRA e R.A.M.I. Residenza Artistica Multidisciplinare ILINXARIUM coinvolgendo artisti emergenti Italiani Lituani e Tedeschi.
Un punto di osservazione previlegiato per capire come si muove la nuova danza internazionale.
EVENTO SOLO SU INVITO O PRENOTAZIONE:
Contatto: programmazione@residenzaidra.it

Standard

FiraTarrega 5-9 Settembre 2019

Senza nemmeno accorgercene siamo giunti alla nostra terza e ultima trasferta a FiraTarrega, uno dei Festival più noti di Europa che “ha come missione principale la dinamizzazione del mercato delle arti dello spettacolo, l’internazionalizzazione dei creatori e la generazione di alleanze strategiche per sviluppare circuiti o produzioni transnazionali di arti di strada. Una Fiera rivolta a diversi destinatari: al pubblico, ad artisti e professionisti. Ma anche ad altri membri del settore, associazioni professionali e circuiti di distribuzione, nonché a qualsiasi istituzione o persona interessata a condividere valori, preoccupazioni e obiettivi del settore culturale.

FiraTàrrega offre ogni anno una selezione di spettacoli teatrali, di movimento e circensi che vogliono sedurre il pubblico e stimolare la partecipazione dei professionisti; un’offerta che combina le diverse discipline performative e che presta particolare attenzione alle avanguardie creative nazionali e internazionali.”

La formazione in trasferta è confermata a 5. Al nostro punto di incontro all’ aeroporto di Bergamo ci rendiamo conto che l’estate è finita e che un viaggio di lavoro come questo è un finale perfetto prima della partenza dei lavori autunnali che non si fermeranno prima della pausa natalizia.

Già da qualche giorno la nostra chat di gruppo scotta per i preparativi. Qualcuno è piu’ preparato di altri e cerchiamo di allinearci.

La macchina organizzativa del Festival già da mesi aveva aperto una comunicazione diretta con ciascuno di noi per guidarci alla fruizione del festival così da poter programmare nel dettaglio la nostra permanenza. Tanto complesso e impegnativo è risultato il processo di preparazione e studio del programma e della gestione della pagina riservata, quanto invece è stato semplice e piacevole viverlo in prima persona.

Solo Davide D’Antonio era già stato a FiraTarrega e con qualche suggerimento fugace ci aveva preparato alla piacevole esperienza ma solo dopo averla vissuta , abbiamo realizzato la bontà dei consigli.

L’arrivo alla Llotja è sorpendente. E’ lo spazio professionale in cui FiraTàrrega si materializza come punto d’incontro, dibattito, scambio e transazione; sicuramente come un vero mercato internazionale per le arti dello spettacolo . Lo spazio, con stand espositivi, consente agli agenti delle arti dello spettacolo di pubblicizzare i loro progetti. Ogni anno, la Fiera certifica una media di 800 professionisti affiliati in oltre 300 entità legate alle arti dello spettacolo di origine nazionale e internazionale. Attività come conferenze o incontri sono organizzate anche tra professionisti che completano la programmazione artistica.

Per quanto riguarda la parte di contatti e pubbliche relazioni, si è consolidata certamente la relazione con gli organizzatori del Festival. La nostra delegazione italiana è risultata una presenza rappresentativa del nostro paese. Il pranzo istituzionale di Venerdì 6 Settembre ha dato la possibilità di conoscere e farsi conoscere in un clima di relax e convivialità. Grazie a uno specifico contributo del COFAE , la Fiera ha la figura di Els Àngels, facilitatori il cui obiettivo è aiutare i programmatori che sono accreditati per la prima volta a entrare nelle dinamiche dell’evento e a stabilire un contatto con il resto del professionisti accreditati.

Inoltre, grazie al panel dal titolo “The system of the Italian residences” che ci ha visto protagonisti sabato 7 alle 13.45 è stato possibile presentare la nostra realtà associativa e le singole residenze e le possibilità progettuali che mettiamo in campo.

Il nostro programma ha previsto spettacoli al mattino e al pomeriggio a partire dalle 17 fino alle 22/23 in luoghi disseminati nella cittadina di Tarrega distanti al massimo 30 minuti a piedi l’uno dall’altro. Circa la metà sono a numero chiuso e a pagamento (non per gli operatori) e l’altra metà gratuiti e ad accesso libero in piazze o parchi.

Ciascuno di noi si disegna un proprio programma di spettacoli così da poter vedere il più possibile e scambiarci anche qualche suggerimento ottimizzando le visioni.

La città è piccola ma in questo week end risulta immensa come la quantità oceanica di gente che in particolare il Sabato occupa le vie centrali del paese. Operatori da tutto il mondo si mescolano con il pubblico locale alternando momenti di riservata contrattazione nei luoghi deputati della fiera.

Sono stati visti da ciascuno una media di 4/5 spettacoli al giorno per un totale di circa 20 spettacoli. In particolare ci siamo ritrovati a condividere pareri piu’ che positivi in merito ai seguenti spettacoli:

GARDEN PARTY di Compagnie N.8, FULL HOUSE di Electrico 28, BIDAIA di Hortzmuga , SUITE TOC NUM 6 di Les Impuxibles, LA FESTA di Mambo Project, POSSE’ di Sound De Seca, CALMA! di GUILLEM ALBÀ, Bye bye, Confetti di La Baldufa: Enric Blasi, Emiliano Pardo, Carles Pijuan e Pareidolia e MISSION ROOSVELT di Tony Clifton Circus. Quest’ultimo in particolare ci ha incuriosito e appassionato da subito. Una compagnia italiana che ha trovato spazio piu’ all’estero che in Italia dove confessa di non essere capito e desiderato quanto negli altri paesi. Si tratta di 25 carrozzine per disabili che diventano il mezzo di locomozione di 25 spettatori disposti a far parte di una missione segreta per le strade della città, cercando di non farsi notare devono superare un percorso ad ostacoli guidato da due loschi figuri in incognita. E’ un’esperienza e un esperimento che lo spettatore , al di là del divertimento semplice, prendono coscienza di quello che significa stare in sedia a rotelle ed essere visto come “diverso”. Ci chiediamo se in Italia siamo capaci di comprendere la buona fede della performance e di non interpretarla come una “presa in giro” e strumentalizzazione della disabilità.

Abbiamo notato una età media degli artisti molto bassa.

Abbiamo apprezzato ogni genere di proposta, dal circo alla performance , alla prosa, non senza difficoltà nella comprensione della lingua catalana.

In generale abbiamo convenuto che la qualità delle proposte è molto alta anche se magari non incontrano i gusti di tutti gli operatori, senza dubbio stiamo parlando di lavori ben fatti, ben costruiti. Tutti spettacoli freschi, intelligenti, provocatori, cinici e allo stesso tempo portatori di una poesia e poetica forte.

Dobbiamo ringraziare anche il cielo, che ci ha regalato 5 giorni splendidi di sole fresco e temperato. Mike Ribalta, il referente per gli operatori, ci ha confessato che sono state le giornate più belle di sempre.

Marina Visentini

Standard

Goodbye Lenin_Due settimane a UfaFabrik

La residenza de La Confraternita del Chianti è finita il 7 settembre con un’apertura del lavoro dedicata agli operatori e allo staff di UfaFabrik. “07.09.2012”, testo teatrale presentato nel 2016 al PIIGS Festival di Barcellona, a Berlino ha via via preso la forma di una performance intimista, un piccolo esperimento di interazione tra video, fiction e storia personale dei due autori Chiara Boscaro e Marco Di Stefano.

10 cose da sapere su UfaFabrik:

  1. il lunedì tutti, staff, artisti in residenza, abitanti, condividono il pranzo nella cucina comune. Sì, c’è chi ci vive, in questo posto splendido.
  2. sui tetti si fa il miele e si coltivano i pomodori.
  3. ci sono un negozio bio, un bar, una scuola, una fattoria, una palestra di arti marziali, una scuola di musica jazz, quattro teatri, uno spazio dedicato alle famiglie e parecchie sale prova.
  4. a UfaFabrik c’è anche il forno, e pane fresco a ogni ora del giorno.
  5. gli artisti ospiti hanno a disposizione camerini che sono belli come appartamenti, e appartamenti che hanno il fascino dei camerini.
  6. a UfaFabrik sono tutti molto gentili, a partire dal direttore, Frido Hinde, che ci ha aiutato in ogni modo possibile.
  7. un tempo era vicina all’aeroporto di Tempelhof. Ora l’aeroporto è diventato un parco. O meglio… l’aeroporto è diventato il parco più grande e figo di Berlino. Ma figo proprio.
  8. appena esci dalla U6 a Ullsteinstrasse, sembra di essere in Brasil di Terry Gilliam. Non vi diciamo il perché: andateci.
  9. dopo due giorni a ufaFabrik ti saluta tutto il quartiere. In due settimane abbiamo stretto amicizia con: il proprietario del Kebab all’angolo; il parrucchiere libanese dopo il semaforo; il commesso di Media Markt; la cassiera del Lidl; il paninaro che rifornisce di Bratwurst tutta la zona; il 70enne punk di Viktoriastrasse. Oltre a tutti gli abitanti di UfaFabrik.
  10. UfaFabrik è ricavato nei vecchi studi della UFA, la casa di produzione cinematografica di Metropolis di Fritz Lang. E a noi piace un sacco lavorare in un posto dove si aggirava uno come Fritz Lang.
ufa
Standard

A Berlino c’è il sole

La Confraternita del Chianti è a Berlino. I Confratelli Chiara Boscaro e Marco Di Stefano sono in residenza artistica a UfaFabrik dal 25 agosto al 7 settembre, impegnati nelle prove di “07.09.2012”, nuovo progetto della compagnia e testo già selezionato per rappresentare l’Italia a PIIGS 2016 – Festival de Dramatùrgia sobre la Crisi di Barcellona (ES).

10 cose da sapere a berlino:

  1. i campi elisi sono sotto i tigli
  2. le bottiglie delle bibite vuote si riportano al negozio o si lasciano per strada così qualcuno le riporta al negozio
  3. il cibo orientale si accompagna con i cocktail
  4. la scuola ricomincia a metà agosto
  5. l’acqua frizzante è buona (questa la capiamo in pochi)
  6. spesso gli spettacoli hanno sovratitoli in inglese
  7. dopo due giorni la gente del quartiere ti saluta
  8. quando piove, gli avventori continuano a bere il loro caffè o al massimo si spostano sotto l’ombrellone
  9. la città è a misura di bambino (il pargolo apprezza molto)
  10. c’è un vecchio aeroporto che adesso è un parco e ci fanno un festival di circo

P.S. a ufaFabrik c’è una scuola elementare con i cavalli veri, ci sono gli orti sui tetti e si lavora (e dorme) benissimo

07.09.2012
Standard

07.09.2012

07.09.2012

di Chiara Boscaro e Marco Di Stefano
regia video di Antonio Simone Giansanti
un progetto La Confraternita del Chianti
una produzione Associazione Culturale K. con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali – Boarding Pass, progetto Enforce Entertainment
in collaborazione con Ufa Fabrik (Berlino) e Festival PIIGS (Barcellona)

1° studio: 6|7.09.2019 Ufa Fabrik (Berlino)

In principio fu un matrimonio mai celebrato. Poi vennero un testo drammaturgico, un debutto internazionale in un festival dedicato alla crisi. Ora ci chiediamo se non sia un qualcosa con un linguaggio diverso, la meta finale di 07.09.2012. È un progetto aperto, che parte da una crisi personale e di coppia per allargarsi a crisi generazionali, artistiche, valoriali, economiche, identitarie, europee…
Potrebbe concretizzarsi in una performance, una installazione, una casa come la nostra, un libro aperto solo per chi sa dove guardare, e a noi piace guardare, negli armadietti del bagno soprattutto. Ora non lo sappiamo, non sappiamo quasi niente se non che la crisi si annida dentro le nostre identità, ma non fa così male. Non sempre.
07.09.2012 è stato un non giorno importante per noi. Un giorno in cui abbiamo capito che lo scarto tra realtà e finzione non è così grande, mentre infinita può essere la distanza tra ciò che succede e come lo raccontiamo, o tra due persone che credono di parlare della stessa cosa, nella stessa stanza, nello stesso tempo.
E, ovunque ci condurrà la nostra ricerca, di certo sarà teatro.

by Chiara Boscaro and Marco Di Stefano
video director Antonio Simone Giansanti
a project by La Confraternita del Chianti a production by AIDA/Ass. Cult. K.

In the beginning, it was never celebrated marriage. Then a dramaturgical text and an international debut in a festival dedicated to the crisis came. Now we wonder if the final goal of 07.09.2012 could be something with a different language. It is an open project, that starts from a personal and a couple crisis, and widens to generational, artistic, value, economic, identity, European crises…
It could take the shape of a performance, an installation, a house like ours, a book open only for those who know where to look; and we like to watch, especially in the bathroom cabinets. Now we still don’t know, we know almost nothing except that the crisis lurks within our identities, but it doesn’t not so much. Not always.
07.09.2012 was an important non-day for us. A day where we realized that the gap between reality and fiction is not so wide, while the distance between what happens and how we tell it can be infinite, infinite could be the distance between two people who think they talk about the same thing, in the same room, in the same time.
And wherever our research will lead us, it will certainly be theater.

Standard

Il Rito 2

TEATRO MAGRO E 33 ROOMS

IL RITO È UN PENSIERO IN ATTO. È PENSIERO UMANO INCARNATO IN UN GESTO, CAPACE DI UN’INTENSA FORZA D’ESPRESSIONE COME DELLA PIÙ SQUISITA DELICATEZZA MENTALE .

–GÉRARD CALVET

Esiste una forza che fa spostare due corpi A e B nelle tre dimensioni spaziali, e nella quarta dimensione temporale, mentre scivolano insieme tra i meandri di N altri universi paralleli, più o meno simili. I due corpi si ritrovano nel punto ψ, coordinate X, Y, Z coordinate geografiche, e nel momento θ, HH:MM del giorno DD-MM-YYYY, (CET), UTC +1. Il motivo non è per forza vitale, ma è sufficientemente importante per far muovere più o meno aggraziatamente nel cosmo il corpo A e per far uscire di casa il corpo B. Non ci sono storie dietro, ci solo sono abitudini. Nel nebuloso caos elegante del cosmo, è rassicurante festeggiare un numero, celebrare feste, con infinite varianti, con infinite decadenze.

Sweet whatever baby!

Il magnetismo del qui e ora è solo un graffiare la superficie di un disco di vinile senza troppe sorprese. Quante sono le tracce ripetute di questo album screziato? Guarda nel fondo del bicchiere, tra i due coriandoli adagiati sul tavolo, nel mozzicone di sigaretta ancora caldo. Si riconosce un rigore languido, che riesce a spezzare la brutale casualità di questo universo.

Il rito è per eccellenza questa esperienza di morterigenerazione.

–CRISTINA CAMPO

Regia: Flavio Cortellazzi | con: Eleni Mara, Alessandro Pezzali | drammaturgia: Magdalena Barile | Coproduzione: Teatro Magro, 33 Rooms

Eleni Mara studia teatro, danza contemporanea, canto e recitazione in Italia, nel Regno Unito, e in Grecia. Nel 2018 studia doppiaggio presso il CTA diretto da Pino Pirovano. Collabora con diversi gruppi teatrali in Svizzera e all’estero, esibendosi al Teatro Stabile di Torino, Teatro de l’Escorxador (ES), Malta Arts Festival, Teatro Foce, Festival Trasparenze. Dal 2016 collabora con Radio Gwendalyn. Con Alan Alpenfelt crea e cura il programma “On Air b&b”, progetto di drammaturgia radiofonica contemporanea. È assistente alla regia sia per Gaddo Bagnoli con “Amore ricucito”, prodotto da Officina Teatro (CH), sia per “Nur” di Giuseppe Valenti (CH). Nel 2017 fonda il collettivo 33ROOMS con Ivan Griggio, debuttando al Performa Festival con Onironauta. Nel 2018 produce lo spettacolo Cassandra Complex, con la regia di Przemek Wasilkowski.

Alessandro Pezzali è attore teatrale e cinematografico. Ha recitato nei film “Il mestiere delle armi“ e “Centochiodi” di Ermanno Olmi. Lavora dal 2001 in qualità di attore per Agidi e Medusa-Roma. Nel 2016 ha partecipato al film “Riccardo va all’inferno“ di Roberta Torre. A seguire ricopre il ruolo del fratello di Michelangelo nel film “Il Peccato” di Andrey Konchalovskiy. Nel 2017 partecipa allo spettacolo “Peer Gynt: un preludio” con la regia di Luca Micheletti, produzione del Teatro Franco Parenti. Entra a far parte del cast del Teatro Stabile Umbro nella messa in scena de “Il Maestro e Margherita “ per la regia di Andrea Baracco, con Michele Riondino. È attore e socio fondatore di Teatro Magro, compagnia mantovana di teatro di ricerca.

Flavio Cortellazzi frequenta l’Accademia di Arte Drammatica Paolo Grassi. Nel 1988 fonda Teatro Magro insieme ad Alessandro Pezzali e Marina Visentini. È da allora che ne cura la direzione artistica e ogni produzione performativa. Nel tempo, il gruppo si costituisce formalmente e cresce, fino ad annoverare nove soci. Dal 2006 propone le ‘Performance for business’, avvicinando il teatro al mondo aziendale. Nel 2012 si aggiudica il contributo ‘Next’ per la produzione dello spettacolo ‘Senza Niente 4 – Il regista’. Nel 2013 coordina come referente artistico il progetto europeo ‘Dictat’, una riflessione sulle dittature. Dal 2015 è direttore artistico del Festival della Fiaba di Legnago (VR). Da molti anni si occupa di formazione in diversi ambiti, sia in situazioni di disagio sociale, sia in prestigiosi contesti imprenditoriali.

Magdalena Barile è diplomata nel 2002 all’Accademia d’Arte Drammatica Paolo Grassi nel corso di scrittura drammaturgica, vive a Milano dove lavora come autrice televisiva (“L’albero Azzurro” – Raidue, “Camera Cafè” – Italiauno, “Affari di famiglia” – RSI) e teatrale (“Amazzonia”, “Manuel e Miranda”, “La Maga Olga”, “In Tumulto”, (Teatro Kimset, Bari 2007), “Lait” (Teatro i, Milano, 2009), “Piombo” (Pim Off, Milano, 2009), “Fine Famiglia”, (Pim Spazio Scenico, 2010), “Piccoli Pezzi”, (CRT, Milano 2010). Dal 2013 è docente di drammaturgia all’Accademia Paolo Grassi.

info| fabiodorini@teatromagro.com | www.teatromagro.com

Standard

PLAY

una creazione di Chiara Boscaro e Marco Di Stefano
con Valeria Sara Costantin e Marco Pezza
un progetto La Confraternita del Chianti
produzione Associazione K, Associazione Interdisciplinare delle Arti
con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali – Boarding Pass, progetto Enforce Entertainment
in collaborazione con Mugmetdegoudentand (Amsterdam), Teatrul 3g (Targu Mures), Story Hub (Riga) e Compagnia Joao Garcia Miguel (Lisbona), Teatro Verdi / Teatro del Buratto (Milano)

Lo sai che tu, proprio tu, puoi proporre una legge di iniziativa popolare alla Commissione Europea? Bastano firmatari da 7 paesi europei, determinazione e una buona idea per comunicarla. L’idea ce la mettiamo noi, il resto lo facciamo insieme: scegli un tema, ascolta i pro e i contro, trova dei sostenitori, convinci il tuo Commissario Europeo e fai sentire la tua voce a Bruxelles.
PLAY è uno spettacolo.
PLAY è una performance.
PLAY è un gioco, ma non un gioco da ragazzi.
PLAY è una sfida: un’ora di tempo per decidere, pubblico e artisti, una proposta di legge popolare da presentare alla commissione Europea.
E poi, una volta tornati a casa, fare in modo che la proposta venga accettata. Perché il teatro è partecipazione e cittadinanza attiva. E non finisce con la fine dello spettacolo.

ENG

Did you know that you could call on the European Commission to make a legislative proposal through the European Citizens’ Initiative?
You just need signatories from 7 European countries, determination and a good communication strategy. We’ll plan the strategy, the rest we can do together: choose a theme, listen to the pros and cons, find supporters, persuade your European Commissioner and make your voice heard in Brussels.
PLAY is a show.
PLAY is a performance.
PLAY is a game, but not an easy one.
PLAY is a challenge: audience and artists together, a legislative proposal for the European Commission, less than an hour…
And once you’re back home, make sure the proposal gets accepted. Because theatre means participation and active citizenship. And it doesn’t end at the end of the show.

Info: www.laconfraternitadelchianti.eu