Il Rito 2

TEATRO MAGRO E 33 ROOMS

IL RITO È UN PENSIERO IN ATTO. È PENSIERO UMANO INCARNATO IN UN GESTO, CAPACE DI UN’INTENSA FORZA D’ESPRESSIONE COME DELLA PIÙ SQUISITA DELICATEZZA MENTALE .

–GÉRARD CALVET

Esiste una forza che fa spostare due corpi A e B nelle tre dimensioni spaziali, e nella quarta dimensione temporale, mentre scivolano insieme tra i meandri di N altri universi paralleli, più o meno simili. I due corpi si ritrovano nel punto ψ, coordinate X, Y, Z coordinate geografiche, e nel momento θ, HH:MM del giorno DD-MM-YYYY, (CET), UTC +1. Il motivo non è per forza vitale, ma è sufficientemente importante per far muovere più o meno aggraziatamente nel cosmo il corpo A e per far uscire di casa il corpo B. Non ci sono storie dietro, ci solo sono abitudini. Nel nebuloso caos elegante del cosmo, è rassicurante festeggiare un numero, celebrare feste, con infinite varianti, con infinite decadenze.

Sweet whatever baby!

Il magnetismo del qui e ora è solo un graffiare la superficie di un disco di vinile senza troppe sorprese. Quante sono le tracce ripetute di questo album screziato? Guarda nel fondo del bicchiere, tra i due coriandoli adagiati sul tavolo, nel mozzicone di sigaretta ancora caldo. Si riconosce un rigore languido, che riesce a spezzare la brutale casualità di questo universo.

Il rito è per eccellenza questa esperienza di morterigenerazione.

–CRISTINA CAMPO

Regia: Flavio Cortellazzi | con: Eleni Mara, Alessandro Pezzali | drammaturgia: Magdalena Barile | Coproduzione: Teatro Magro, 33 Rooms

Eleni Mara studia teatro, danza contemporanea, canto e recitazione in Italia, nel Regno Unito, e in Grecia. Nel 2018 studia doppiaggio presso il CTA diretto da Pino Pirovano. Collabora con diversi gruppi teatrali in Svizzera e all’estero, esibendosi al Teatro Stabile di Torino, Teatro de l’Escorxador (ES), Malta Arts Festival, Teatro Foce, Festival Trasparenze. Dal 2016 collabora con Radio Gwendalyn. Con Alan Alpenfelt crea e cura il programma “On Air b&b”, progetto di drammaturgia radiofonica contemporanea. È assistente alla regia sia per Gaddo Bagnoli con “Amore ricucito”, prodotto da Officina Teatro (CH), sia per “Nur” di Giuseppe Valenti (CH). Nel 2017 fonda il collettivo 33ROOMS con Ivan Griggio, debuttando al Performa Festival con Onironauta. Nel 2018 produce lo spettacolo Cassandra Complex, con la regia di Przemek Wasilkowski.

Alessandro Pezzali è attore teatrale e cinematografico. Ha recitato nei film “Il mestiere delle armi“ e “Centochiodi” di Ermanno Olmi. Lavora dal 2001 in qualità di attore per Agidi e Medusa-Roma. Nel 2016 ha partecipato al film “Riccardo va all’inferno“ di Roberta Torre. A seguire ricopre il ruolo del fratello di Michelangelo nel film “Il Peccato” di Andrey Konchalovskiy. Nel 2017 partecipa allo spettacolo “Peer Gynt: un preludio” con la regia di Luca Micheletti, produzione del Teatro Franco Parenti. Entra a far parte del cast del Teatro Stabile Umbro nella messa in scena de “Il Maestro e Margherita “ per la regia di Andrea Baracco, con Michele Riondino. È attore e socio fondatore di Teatro Magro, compagnia mantovana di teatro di ricerca.

Flavio Cortellazzi frequenta l’Accademia di Arte Drammatica Paolo Grassi. Nel 1988 fonda Teatro Magro insieme ad Alessandro Pezzali e Marina Visentini. È da allora che ne cura la direzione artistica e ogni produzione performativa. Nel tempo, il gruppo si costituisce formalmente e cresce, fino ad annoverare nove soci. Dal 2006 propone le ‘Performance for business’, avvicinando il teatro al mondo aziendale. Nel 2012 si aggiudica il contributo ‘Next’ per la produzione dello spettacolo ‘Senza Niente 4 – Il regista’. Nel 2013 coordina come referente artistico il progetto europeo ‘Dictat’, una riflessione sulle dittature. Dal 2015 è direttore artistico del Festival della Fiaba di Legnago (VR). Da molti anni si occupa di formazione in diversi ambiti, sia in situazioni di disagio sociale, sia in prestigiosi contesti imprenditoriali.

Magdalena Barile è diplomata nel 2002 all’Accademia d’Arte Drammatica Paolo Grassi nel corso di scrittura drammaturgica, vive a Milano dove lavora come autrice televisiva (“L’albero Azzurro” – Raidue, “Camera Cafè” – Italiauno, “Affari di famiglia” – RSI) e teatrale (“Amazzonia”, “Manuel e Miranda”, “La Maga Olga”, “In Tumulto”, (Teatro Kimset, Bari 2007), “Lait” (Teatro i, Milano, 2009), “Piombo” (Pim Off, Milano, 2009), “Fine Famiglia”, (Pim Spazio Scenico, 2010), “Piccoli Pezzi”, (CRT, Milano 2010). Dal 2013 è docente di drammaturgia all’Accademia Paolo Grassi.

info| fabiodorini@teatromagro.com | www.teatromagro.com

Lascia un commento